Gli standard abitativi mutano nel corso degli anni in funzione delle esigenze e delle dinamiche familiari e sociali

Non è raro che in appartamenti costruiti tra gli anni ’50 e ’80, siano necessari interventi per la messa in opera di un nuovo bagno. Questi infatti malgrado le dimensioni consistenti, ne possedevano generalmente soltanto uno.

© Architettare1.0
© Architettare1.0
© Architettare1.0
Architettare10

Le problamatiche che si possono incontrare quando si realizza un bagno in una stanza con destinazione d’ uso differente

Diversi sono i problemi e le soluzioni. Innanzi tutto va valutato se ci sono effettivamente le condizioni sufficienti e necessarie per poterlo realizzare: ad esempio uno spazio suffciente e la presenza in vicinanza della colonna di scarico.

Soprattutto quest’ ultima è una condizione che irrimediabilmente determina la tipologia del progetto: occorre infatti che le acque di scarico, in particolar modo del wc, arrivino alla colonna di scarico con una pendenza che cresce di un centimetro ogni metro. Facile è intuire quanto possa essere problematico se bagno e colonna si trovano a distanze eccessive.

Usare il sanitrit come soluzione per invogliare le acque di scarico in modo meccanico verso le apposite colonne

In questi casi può essere d’ aiuto l’ utilizzo di appositi apparecchi che pompano le acque di scarico dopo averne sminuzzato i contenuti, fornendogli la giusta spinta verso la colonna di scarico. Si tratta del sanitrit congegno utilissimo in questi casi che ha una spinta tale da poter essere utilizzato per convogliare le acque di scarico dal piano inferiore a quello superiore. Indiscutibile è il suo aspetto risolutivo ma occorre essere rigidi nel non buttare nulla di più del necessario nello scarico del water e non è celebre certo per il suo silenzio.

 

 

Il progetto:

La premessa resta la stessa: una casa di una certa età di grandi dimensioni e con un solo bagno. Tale appartamente una volta diviso in due unità abitative, ha generato la necessità di creare da zero un bagno in una delle nuove abitazioni totalmente priva. In questo caso la colonna di scarico è situata adiecente le mura perimetrali, e non dentro, e in prossimità della finistra del camera destinata a nuovo bagno.

 

Per una scelta del cliente il pavimento storico dell’ abitazione e stato preservato e per tanto le nuova tubazioni sono state inserite all’ interno di un muro appositamente costruito modellato in modo da soddisfare sia l’ aspetto funzionale che quello estetico. Per la finitura delle pareti pittura vetrificata in alternativa alle piastrelle più costose sia come materiale che mano d’ opera e in alcuni casi, come in questo bagno moderno, non della stessa efficacia estetica.



 

 



Architettare10